Questo semplicemente per dire che è ora di ridare un po' di vita a questo blog, ormai fermo da così tanto tempo che soffre di piaghe da decubito...
Premetto che il mio tempo libero purtroppo non è aumentato, al lavoro la possibilità di dedicarmi alla scrittura di articoli è nulla, ergo mi è impossibile portare avanti con continuità due blog. Di conseguenza continuerò a scrivere su One Shot con la medesima frequenza, ovvero quasi mai, sigh...
Ora vi starete chiedendo se è Caronte, o Minosse, o come diavolo si chiama questo caldo a farmi delirare... e invece no!
Il fatto è che One Shot si evolve in qualcosa di diverso, che lo renderà qualcosa di più del mio personale spazio per scrivere cazz... ehm... dissertazioni sul complesso mondo dei giochi di ruolo.
Alcuni mesi fa ricevetti da Nicholas, uno degli sventurati lettori passati da queste parti e sul Sussurro di Even, la richiesta di pubblicare i resoconti delle sue avventure, tanto per beneficiare della mostruosa (!) visibilità di questo sito.
Pensandoci su, in effetti recentemente One Shot è stato vivo come un cimitero: solo gente di passaggio a far visita ai trapassati. Per questo ho deciso di trasformare il blog, cominciando proprio dalla pubblicazione della one shot di Nicholas, con l'auspicio che in futuro, l'esperienza possa ripetersi con altre one shot e (perché no) con altri autori.

L'avventura che imperverserà su queste pagine nel prossimo futuro è scritta dallo stesso Nicholas e utilizza come sistema di gioco il famigerato Call of Cthulhu (CoC) della Chaosium, universalmente conosciuto per l'altissimo tasso di mortalità tra i giocatori (come è giusto che sia).
Ma ora basta perdere tempo, tornerò a scrivere cazz... ehm... articoli tra un post e l'altro delle nuove one shot.
Buona lettura a tutti!

NON E' MORTO CIO' CHE IN ETERNO PUO' ATTENDERE...

Questo semplicemente per dire che è ora di ridare un po' di vita a questo blog, ormai fermo da così tanto tempo che soffre di piaghe da decubito...
Premetto che il mio tempo libero purtroppo non è aumentato, al lavoro la possibilità di dedicarmi alla scrittura di articoli è nulla, ergo mi è impossibile portare avanti con continuità due blog. Di conseguenza continuerò a scrivere su One Shot con la medesima frequenza, ovvero quasi mai, sigh...
Ora vi starete chiedendo se è Caronte, o Minosse, o come diavolo si chiama questo caldo a farmi delirare... e invece no!
Il fatto è che One Shot si evolve in qualcosa di diverso, che lo renderà qualcosa di più del mio personale spazio per scrivere cazz... ehm... dissertazioni sul complesso mondo dei giochi di ruolo.
Alcuni mesi fa ricevetti da Nicholas, uno degli sventurati lettori passati da queste parti e sul Sussurro di Even, la richiesta di pubblicare i resoconti delle sue avventure, tanto per beneficiare della mostruosa (!) visibilità di questo sito.
Pensandoci su, in effetti recentemente One Shot è stato vivo come un cimitero: solo gente di passaggio a far visita ai trapassati. Per questo ho deciso di trasformare il blog, cominciando proprio dalla pubblicazione della one shot di Nicholas, con l'auspicio che in futuro, l'esperienza possa ripetersi con altre one shot e (perché no) con altri autori.

L'avventura che imperverserà su queste pagine nel prossimo futuro è scritta dallo stesso Nicholas e utilizza come sistema di gioco il famigerato Call of Cthulhu (CoC) della Chaosium, universalmente conosciuto per l'altissimo tasso di mortalità tra i giocatori (come è giusto che sia).
Ma ora basta perdere tempo, tornerò a scrivere cazz... ehm... articoli tra un post e l'altro delle nuove one shot.
Buona lettura a tutti!

6 commenti:

Nicholas ha detto...

Ehilà! First of all ringrazio Ale per l'ospitalità, il suo blog è molto più conosciuto di quello che si pensi e quindi mi fa piacere poter pubblicare qui il mio one-shot.
A tutti noi, sia players che master alla fine di una bella avventura o di una campagna epica è capitato di chiedersi "Peccato che tutto questo debba rimanere confinato solo tra poche persone, ci sarà un modo per farla conoscere ad altri cui potrebbe piacere?" ed è per questo che apprezzo il blog di Ale, perchè permette anche a chi non sta giocando la sua campagna di leggerla e di "viverla".

Ale ha già spiegato benissimo come è Call of Cthulhu, riporteremo qui i resoconti di un'avventura one-shot del nostro gruppo in pausa tra una campagna e l'altra di D&D.
L'avventura sarà poi resa disponibile a chiunque altro voglia giocarla.

Spero apprezzerete i nostri resoconti!

jamila ha detto...

attendiamo trepidanti!

Mr. Mist ha detto...

Bene che one shot sia!

P.s.: meno male non ne potevo più di quel faccione da pirla di Keanu Reeves!

KUDUK ha detto...

GRandissimo!!!

Ursha ha detto...

Era un po' che non passavo di qua, fa sempre piacere vedere nuovi sviluppi e in questo caso immagino anche molte frattaglie disperse sul pavimento.

Ale ha detto...

benché non dipenda me questa volta, spero che le frattaglie non manchino!