La mattina dopo il gruppo è pronto a ripartire.
Il capitano Heinz ha deciso che Narbondel proseguirà la missione e che poi deciderà il da farsi a  missione conclusa.
Otto ha descritto il campo base nemico, dalle sue parole era chiaro che voleva andare a sconfiggere le creature.
Il capitano è dello stesso avviso e il gruppo si mette in marcia.

Per tutta la mattina il gruppo avanza tra gli alberi, seguendo le indicazioni di Narbondel.
A un certo punto si accorgono che il capitano Heinz è rimasto un po’ indietro.
Soweig si avvicina.
“Tutto bene capitano?”
“Si tutto bene, solo un giramento di testa.”
La fronte del capitano è mandida di sudore.
L’uomo si passa un lembo del suo mantello sul viso.
“Non è nulla, avanziamo.”

Arrivati non lontano dal villaggio Narbondel va di nuovo in avanscoperta con un altro soldato.
Gli altri si fermano e preparano le armi.
Il capitano Heinz si siede su un sasso poco distante e appoggia la testa alle mani, ha il respiro corto.
Chiude gli occhi per un attimo, intorno a lui il mondo ruota senza sosta.

Un urlo lo ridesta.
“Arrivano!”
Balza in piedi, dal sentiero arriva Narbondel correndo a perdifiato e guardandosi indietro.
“Arrivano!” urla “Stanno arrivando!”.
“Formate il muro di scudi!” Ordina Heinz.

18 - BESTIE NELLA FORESTA

La mattina dopo il gruppo è pronto a ripartire.
Il capitano Heinz ha deciso che Narbondel proseguirà la missione e che poi deciderà il da farsi a  missione conclusa.
Otto ha descritto il campo base nemico, dalle sue parole era chiaro che voleva andare a sconfiggere le creature.
Il capitano è dello stesso avviso e il gruppo si mette in marcia.

Per tutta la mattina il gruppo avanza tra gli alberi, seguendo le indicazioni di Narbondel.
A un certo punto si accorgono che il capitano Heinz è rimasto un po’ indietro.
Soweig si avvicina.
“Tutto bene capitano?”
“Si tutto bene, solo un giramento di testa.”
La fronte del capitano è mandida di sudore.
L’uomo si passa un lembo del suo mantello sul viso.
“Non è nulla, avanziamo.”

Arrivati non lontano dal villaggio Narbondel va di nuovo in avanscoperta con un altro soldato.
Gli altri si fermano e preparano le armi.
Il capitano Heinz si siede su un sasso poco distante e appoggia la testa alle mani, ha il respiro corto.
Chiude gli occhi per un attimo, intorno a lui il mondo ruota senza sosta.

Un urlo lo ridesta.
“Arrivano!”
Balza in piedi, dal sentiero arriva Narbondel correndo a perdifiato e guardandosi indietro.
“Arrivano!” urla “Stanno arrivando!”.
“Formate il muro di scudi!” Ordina Heinz.

6 commenti:

Ale ha detto...

Una bella infezione per il capitano Heinz a causa della ferita? Avvelenamento? Qui sembra che ognuno nella pattuglia abbia qualche segreto, non mi sorprenderebbe un tentativo di eliminarlo per vendetta, anche se significherebbe non raggiungere il punto di estrazione

Nicholas ha detto...

Il rischio è concreto, meglio che Soweig si dia da fare a tenerlo in forma, altrimenti l'intera pattuglia è spacciata.

Mr. Mist ha detto...

A meno che chi vuole morto il capitano abbia altre vie di fuga direi che ammazzare ora Heinz non è un'idea saggia. Certo che è una bella rogna, beccarsi una brutta infezione in un momento come questo, ma credo che in tempi passati la cossa fosse frequente.

Nicholas ha detto...

Per ora nella pattuglia c'è già un assassino di ufficiali reo confesso.
Heinz si è portato dietro un bel gruppetto di persone.
Va detto che lui non è migliore: se necessario è pronto a sacrificare tutta la pattuglia pur di sembrare un eroe.

ziobllo ha detto...

non può finire così!

Andrea Martin ha detto...

D'altronde, la bontà non fa parte del mondo di WFRP! A parte quando c'è da combattere contro il Caos!