Otto si incammina seguito dall’elfo.
L’interno della baracca è umido e pieno di muffa.
Su un lato sono accatastate casse e sacchi, il bottino dell’assalto al campo ribelle.
“Non c’è nulla usciamo” dice l’elfo.
Otto fruga tra le casse finchè estrae un piccolo forziere.
“Cos’è quello?”
Otto lo apre spaccando al serratura con la sua arma.
“Questo, amico mio” dice estraendo un foglio c’oro ricoperto di simboli misteriosi “è il lasciapassare per una nuova vita.”

“Dobbiamo darlo al capitano!”
“Sei pazzo elfo? Chissà dove andrebbe a finire, no ce lo dobbiamo tenere noi!”
“Ma non possiamo fare una cosa simile…”
“Narbondel, io ti ho salvato la vita, ora è il tuo momento di fare qualcosa per me.
Se continueremo a fare i soldati moriremo molto presto, io voglio solo andarmene ed essere io ricco per una volta, e questo foglio d’oro è la mia unica possibilità.
Avrai la tua parte.”
Una voce dietro di loro li interrompe.
“Allora che succede qui dentro?”
Il capitano Heinz è sulla porta, Otto è lesto a far sparire il foglio d’oro e a lanciare un’occhiataccia a Narbondel.
“Nulla capitano” riferisce “solo un po’ di provviste razziate al campo dei ribelli.
Passa a fianco al capitano uscendo nello spiazzo fangoso.
Alle sue spalle sente la voce di Narbondel.
“Capitano, credo che il soldato Otto abbia qualcosa che dovrebbe consegnarvi”.

22 - IL FOGLIO D'ORO

Otto si incammina seguito dall’elfo.
L’interno della baracca è umido e pieno di muffa.
Su un lato sono accatastate casse e sacchi, il bottino dell’assalto al campo ribelle.
“Non c’è nulla usciamo” dice l’elfo.
Otto fruga tra le casse finchè estrae un piccolo forziere.
“Cos’è quello?”
Otto lo apre spaccando al serratura con la sua arma.
“Questo, amico mio” dice estraendo un foglio c’oro ricoperto di simboli misteriosi “è il lasciapassare per una nuova vita.”

“Dobbiamo darlo al capitano!”
“Sei pazzo elfo? Chissà dove andrebbe a finire, no ce lo dobbiamo tenere noi!”
“Ma non possiamo fare una cosa simile…”
“Narbondel, io ti ho salvato la vita, ora è il tuo momento di fare qualcosa per me.
Se continueremo a fare i soldati moriremo molto presto, io voglio solo andarmene ed essere io ricco per una volta, e questo foglio d’oro è la mia unica possibilità.
Avrai la tua parte.”
Una voce dietro di loro li interrompe.
“Allora che succede qui dentro?”
Il capitano Heinz è sulla porta, Otto è lesto a far sparire il foglio d’oro e a lanciare un’occhiataccia a Narbondel.
“Nulla capitano” riferisce “solo un po’ di provviste razziate al campo dei ribelli.
Passa a fianco al capitano uscendo nello spiazzo fangoso.
Alle sue spalle sente la voce di Narbondel.
“Capitano, credo che il soldato Otto abbia qualcosa che dovrebbe consegnarvi”.

1 commento:

Andrea Martin ha detto...

Onestà? Da dove l'ha tirata fuori?

Otto si incazzerà di brutto, ci scommetto.