Al mattino dopo il capitano è cosciente.
Ha la febbre alta ed è spesso scosso da tremori ma si alza da solo.
“In marcia.” Ordina con voce roca.
I soldati si avvicinano a lui.
“Capitano non sarebbe meglio dirci dove ci attende la nave, nel caso lei svenisse di nuovo?”
Heinz li guarda uno ad uno poi ripete solo “In marcia.”
A sera il drappello raggiunge il fiume Talebec.
Heinz incomincia a risalirne le rive ma dopo pochi minuti crolla a terra.
Soweig lo appoggia al tronco di un albero.
Heinz sente le forze che lo abbandonano, eppure stringe i denti, gli basta arrivare a quella maledetta nave e poi sarà curato.
Ormai il sospetto serpeggia anche tra gli uomini, questa non è una semplice infezione, qualcuno lo ha avvelenato.
Sa bene che deve dire a qualcuno dove si trova il punto di estrazione ma deve scegliere l’uomo giusto, oppure lo abbandoneranno qui.
Osserva Soweig al suo fianco, Narbondel che sta scrutando la foresta e Otto che affila la sua spada.
Tra di loro c’è chi lo ha avvelenato.
“Narbondel” chiama con un filo di voce.
L’elfo si avvicina.
Heinz lo tira vicino a se e bisbiglia qualcosa, poi si appoggi al tronco dell’albero e chiude gli occhi.
L’elfo si volge verso gli altri “Uomini fate campo, domani vi guiderò fino al punto di estrazione”.

24 - VELENO

Al mattino dopo il capitano è cosciente.
Ha la febbre alta ed è spesso scosso da tremori ma si alza da solo.
“In marcia.” Ordina con voce roca.
I soldati si avvicinano a lui.
“Capitano non sarebbe meglio dirci dove ci attende la nave, nel caso lei svenisse di nuovo?”
Heinz li guarda uno ad uno poi ripete solo “In marcia.”
A sera il drappello raggiunge il fiume Talebec.
Heinz incomincia a risalirne le rive ma dopo pochi minuti crolla a terra.
Soweig lo appoggia al tronco di un albero.
Heinz sente le forze che lo abbandonano, eppure stringe i denti, gli basta arrivare a quella maledetta nave e poi sarà curato.
Ormai il sospetto serpeggia anche tra gli uomini, questa non è una semplice infezione, qualcuno lo ha avvelenato.
Sa bene che deve dire a qualcuno dove si trova il punto di estrazione ma deve scegliere l’uomo giusto, oppure lo abbandoneranno qui.
Osserva Soweig al suo fianco, Narbondel che sta scrutando la foresta e Otto che affila la sua spada.
Tra di loro c’è chi lo ha avvelenato.
“Narbondel” chiama con un filo di voce.
L’elfo si avvicina.
Heinz lo tira vicino a se e bisbiglia qualcosa, poi si appoggi al tronco dell’albero e chiude gli occhi.
L’elfo si volge verso gli altri “Uomini fate campo, domani vi guiderò fino al punto di estrazione”.

6 commenti:

Mr. Mist ha detto...

Siamo passati da un'avventura apparentemente lineare ad una di tipo "investigativo", molto bene mi piace la svolta, certo per il povero capitano Heinz, non sarà stata una scelta facile speriamo almeno che sia stata quella giusta!

Nicholas ha detto...

L'avventura era "collaborativo con traditori" :D
Purtroppo essendo una one-shot non s poteva approfondire tutto (l'intera avventura è stata giocata in 6 orette scarse).

Nicholas ha detto...

Inoltre fai sempre conto che Narbondel è colpevole di omicidio di un superiore e Heinz l'ha coperto.
Narbondel sembra essersi sdebitato tradendo Otto che ora gli serba rancore.
A quel punto i pg si guardavano già tutti male.

Mr. Mist ha detto...

Il fatto che Narbondel abbia fatto lo splendido a spese di un compagno, non lo rende, a mio avviso, più affidabile degli altri: chi tradisce una volta può farlo ancora, a buon intenditor...

Andrea Martin ha detto...

Però è tornato al campo mentre era ancora nascosto nella foresta. Poteva scappare.
E li ha salvati dai lupi, anche se in quel momento tentava di andarsene.

Io comunque mi sono fatto un'idea di chi sia il colpevole...

Nicholas ha detto...

Nessuno poteva scappare da solo in territorio nemico.
Narbondel ha perso la sua chance all'inizio (da bkg con i lupi), ora deve arrivare fino in fondo per salvarsi.