"Cosa significa?" chiede Travis.
"Che il danno alla Centrale è molto grave. E che ci resta poco da vivere se non ce ne andiamo di qua."
Isaac lo dice senza neanche sollevare lo sguardo dal PDA, come se fosse l'affermazione più normale del mondo.
"Secondo i miei calcoli tra 3 ore le condizioni ambientali saranno critiche, ed entro 4 ore non ci sarà speranza di trovare nessuno vivo."
"Beh... manderanno di sicuro dei soccorsi da Mariposa, o dei tecnici..." dice ottimista April.
"Sì, ma per quanto siano veloci non ci metteranno meno di 3 ore."
Travis si accende una sigaretta: "E allora muoviamo il culo, prendiamo un AV, salviamo il tuo capo e con lui ci prendiamo il biglietto di sola andata dallo spazioporto. Ci dovrebbero anche restare i crediti per una vacanza tropicale su Mariposa." 
"Fumi adesso? Risparmia l'ossigeno..."
"Fatti i cazzi tuoi"
"Lo spazioporto è stato danneggiato" ricorda April. "Rischiamo di arrivare là e scoprire che non si può partire. E a quel punto il nostro tempo sarà scaduto."
"Co-concordo" balbetta Isaac, arrossendo. Anche in questo momento conversare con il gentil sesso lo mette a disagio. "Credo che la cosa migliore sia andare alla Centrale. A parte che sono stato richiamato in servizio, quindi non ho molte scelte..."
"Amico, con un casino del genere ognuno pensa alla sua pellaccia, nessuno ti biasimerà se pensi a portare le chiappe via di qua..."
"Ok, ma è comunque la scelta migliore. Se riesco ad rimediare ai danni e ad attivare le procedure di emergenza tutti ad Oculus avranno maggiori probabilità di sopravvivenza. E se non dovesse funzionare, la Centrale non è comunque così distante dallo spazioporto da impedire un piano B di fuga."
"Sì, ma con 5000 crediti in meno..." puntualizza Travis.
Isaac scuote la testa: "Andare a recuperare Mr. Ebb ci brucerebbe il tempo utile per ripiegare su un'altra soluzione."
Travis fissa April, aspettando che dica qualcosa: "Non vorrai piantare in asso il tuo datore di lavoro..."
April tace per alcuni secondi, indecisa. Poi s'incammina verso l'uscita del Sentri Lounge: "Fanculo Mr. Ebb..."

"Ecco la baia AV... cazzo!"
Travis spintona le persone che si accalcano davanti all'uscita per l'attracco, una sorta di parcheggio taxi appena fuori dal locale. L'accesso alla baia è sigillato da un pesante schermo di emergenza, calato a seguito dell'esplosione.
"Dobbiamo aprirlo se vogliamo recuperare un mezzo" dice Travis indicando la pesante barriera metallica.
"Non credo sia una buona idea. Se il dispositivo si è attivato è perché al di là c'è una falla. Inoltre non sappiamo quali sono le condizioni degli AV, potrebbero essere stati spazzati via dall'esplosione."
"Ci metteremo una vita senza un mezzo di trasporto..." constata Travis. "Non funzionano nemmeno i carrelli interni per gli spostamenti nei tunnel, è tutto disalimentato."
"E allora andiamo di corsa. Non sono distanze impossibili, non perdiamo altro tempo. Se siamo fortunati poi troveremo qualche mezzo di trasporto lungo la strada." April fa un cenno ai compagni e si porta davanti a loro con il suo fisico atletico, imboccando il cunicolo che porta verso le altre sezioni della base lunare a passo di jogging.
Travis getta la sigaretta a terra e la spegne col tacco dello stivaletto. Fa spallucce e le corre dietro.
Isaac li osserva preoccupato. L'ultima volta che ha corso aveva dodici anni.

05 - CORSA CONTRO IL TEMPO

"Cosa significa?" chiede Travis.
"Che il danno alla Centrale è molto grave. E che ci resta poco da vivere se non ce ne andiamo di qua."
Isaac lo dice senza neanche sollevare lo sguardo dal PDA, come se fosse l'affermazione più normale del mondo.
"Secondo i miei calcoli tra 3 ore le condizioni ambientali saranno critiche, ed entro 4 ore non ci sarà speranza di trovare nessuno vivo."
"Beh... manderanno di sicuro dei soccorsi da Mariposa, o dei tecnici..." dice ottimista April.
"Sì, ma per quanto siano veloci non ci metteranno meno di 3 ore."
Travis si accende una sigaretta: "E allora muoviamo il culo, prendiamo un AV, salviamo il tuo capo e con lui ci prendiamo il biglietto di sola andata dallo spazioporto. Ci dovrebbero anche restare i crediti per una vacanza tropicale su Mariposa." 
"Fumi adesso? Risparmia l'ossigeno..."
"Fatti i cazzi tuoi"
"Lo spazioporto è stato danneggiato" ricorda April. "Rischiamo di arrivare là e scoprire che non si può partire. E a quel punto il nostro tempo sarà scaduto."
"Co-concordo" balbetta Isaac, arrossendo. Anche in questo momento conversare con il gentil sesso lo mette a disagio. "Credo che la cosa migliore sia andare alla Centrale. A parte che sono stato richiamato in servizio, quindi non ho molte scelte..."
"Amico, con un casino del genere ognuno pensa alla sua pellaccia, nessuno ti biasimerà se pensi a portare le chiappe via di qua..."
"Ok, ma è comunque la scelta migliore. Se riesco ad rimediare ai danni e ad attivare le procedure di emergenza tutti ad Oculus avranno maggiori probabilità di sopravvivenza. E se non dovesse funzionare, la Centrale non è comunque così distante dallo spazioporto da impedire un piano B di fuga."
"Sì, ma con 5000 crediti in meno..." puntualizza Travis.
Isaac scuote la testa: "Andare a recuperare Mr. Ebb ci brucerebbe il tempo utile per ripiegare su un'altra soluzione."
Travis fissa April, aspettando che dica qualcosa: "Non vorrai piantare in asso il tuo datore di lavoro..."
April tace per alcuni secondi, indecisa. Poi s'incammina verso l'uscita del Sentri Lounge: "Fanculo Mr. Ebb..."

"Ecco la baia AV... cazzo!"
Travis spintona le persone che si accalcano davanti all'uscita per l'attracco, una sorta di parcheggio taxi appena fuori dal locale. L'accesso alla baia è sigillato da un pesante schermo di emergenza, calato a seguito dell'esplosione.
"Dobbiamo aprirlo se vogliamo recuperare un mezzo" dice Travis indicando la pesante barriera metallica.
"Non credo sia una buona idea. Se il dispositivo si è attivato è perché al di là c'è una falla. Inoltre non sappiamo quali sono le condizioni degli AV, potrebbero essere stati spazzati via dall'esplosione."
"Ci metteremo una vita senza un mezzo di trasporto..." constata Travis. "Non funzionano nemmeno i carrelli interni per gli spostamenti nei tunnel, è tutto disalimentato."
"E allora andiamo di corsa. Non sono distanze impossibili, non perdiamo altro tempo. Se siamo fortunati poi troveremo qualche mezzo di trasporto lungo la strada." April fa un cenno ai compagni e si porta davanti a loro con il suo fisico atletico, imboccando il cunicolo che porta verso le altre sezioni della base lunare a passo di jogging.
Travis getta la sigaretta a terra e la spegne col tacco dello stivaletto. Fa spallucce e le corre dietro.
Isaac li osserva preoccupato. L'ultima volta che ha corso aveva dodici anni.

14 commenti:

MaxDZ8 ha detto...

Che femmina! :P

Ale ha detto...

Chi, Isaac? :D

Denis Orlandini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Denis Orlandini ha detto...

Ciao Ale...
ti ho trovat finalmente... ma sbaglio o si tratta di "missione di recupero"?

sempre coinvolgenti i tuoi post ;-)

Ale ha detto...

Ma io sono sempre stato qua! ;)
Creo si tratti di missione di recupero, per traveller, anche se l'ho trovata col nome di missione di soccorso. Ovviamente un po' rimaneggiata per le mie esigenze e per la conversione a gus

Denis Orlandini ha detto...

Lo so Ale che sei sempre qua, in quest'anno sono stato assente io, un pò per problemi di salute, e un pò perchè ho scritto il mio gdr che uscirà a Lucca. Ti ho aggiunto al gruppo su FB ;-)

Mr. Mist ha detto...

Una bella corsa contro il tempo!

Ben ritrovato Denis! ;)

Ale ha detto...

@Kuduk: Eheh, infatti lo sto seguendo! :) Anzi per chi non ne fosse già a conoscenza faccio un po' di pubblicità :)
Qui trovate tutto ciò che volete sapere sulle ultime fatiche di Denis alias Kuduk: https://www.facebook.com/groups/950027391746418/

Denis Orlandini ha detto...

A Lucca ci sei, che magari ci si conosce, finalmente, di persona? ;-)

Nicholas ha detto...

Ciao Kuduk!
Seguo tutti i tuoi blog ma sono tutti abbandonati...
Ce n'è qualcuno nuovo attivo?

Ale ha detto...

Mah... speriamo di riuscire ad esserci quest'anno...

Denis Orlandini ha detto...

Ciao Nicholas, sì uno c'è, ma ho aspettato un pò per vedere se partiva decentemente, eccolo: http://sinegiappo.blogspot.it/

andrea ha detto...

interessante! =)

andrea ha detto...

@Denis: hai attivato solo i commenti tramite Google+?